DIRITTI FA RIMA CON...Mostra Fotografica.

DIRITTI FA RIMA CON...Mostra Fotografica.

Mostra fotografica che riguarda 𝟏𝟎 π——π—Άπ—Ώπ—Άπ˜π˜π—Ά scelti da amici de Il Mosaico Libreria dei Ragazzi, comprendenti anche i Diritti Naturali di Franco Zavalloni.  𝟏𝟎 π—°π—Όπ—»π—±π—Άπ˜ƒπ—Άπ˜€π—Άπ—Όπ—»π—Ά 𝗱𝗢 𝗢𝗱𝗲𝗲, 𝟏𝟎 π—²π—Ίπ—Όπ˜‡π—Άπ—Όπ—»π—Ά legate ai DIRITTI.

Fotografie di Yuri Kun Photography

π—œπ—Ÿ π——π—œπ—₯π—œπ—§π—§π—’ π—”π—œ π——π—œπ—₯π—œπ—§π—§π—œ

Crediamo fermamente che si debba parlare di Diritti SEMPRE perchΓ© Γ¨ importante far conoscere ai bambini in primis le leggi che li tutelano.

Valter Baruzzi (ritratto in foto insieme ad Arianna Di Pietro) Γ¨ un pedagogista e psicologo di comunitΓ , che da anni si dedica ai Diritti dell'Infanzia. Ci dice: "i diritti sono il cuore della vita civile e politica di un paese democratico e mi ci sono dedicato perchΓ© il bambino mai spento che Γ¨ in me, seppur sorpreso e stupito dalla vecchiaia che finalmente l'ha raggiunto, ha sempre saputo che i diritti dell'infanzia parlavano anche di lui e dell'adulto che Γ¨ diventato".

Ha pubblicato "Mondo fa rima con noi, i diritti dei bambini e ragazzi per parole e immagini" con la casa editrice La Mandragora.

articolo 2

Non discriminazione. Gli stati si impegnano a garantire, nel loro territorio, i diritti della Convenzione ad ogni bambino, senza distinzione di sorta. 

 

π—œπ—Ÿ π——π—œπ—₯π—œπ—§π—§π—’ π—”π—Ÿπ—Ÿ'π—˜π——π—¨π—–π—”π—­π—œπ—’π—‘π—˜

Elena Gurioli e Ilaria Forlano , entrambe insegnanti della scuola primaria di secondo grado Andrea Costa di Imola, sono le testimonial di questo diritto.

Hanno scelto questo articolo perchΓ© per loro Γ¨ una vera e propria missione: "educare significa portare fuori, condurre, accompagnare i ragazzi nella crescita. Renderli consapevoli e capaci di vedere oltre e scavare dentro le cose"

Articolo 28

I bambini hanno diritto all'istruzione. Gli stati devono garantire l'istruzione primaria gratuita e obbligatoria per tutti, l'istruzione secondaria accessibile per tutti, la diminuzione del tasso di abbandono scolastico e la promozione della frequenza scolastica.

 

π——π—œπ—₯π—œπ—§π—§π—’ 𝗔 𝗨𝗦𝗔π—₯π—˜ π—Ÿπ—˜ π— π—”π—‘π—œ

Elisa Spada e le sue bimbe Francesca e Vittoria hanno scelto questo che fa parte dei DIRITTI NATURALI DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE di Franco Zavalloni.

Elisa ci racconta: "ho scelto questo diritto perchΓ© mio padre faceva il falegname e tanti dei miei ricordi con lui sono legati all'uso delle mani, in particolare nella sua bottega. Lavorare assieme per un progetto, disegnarlo, fare modellini era il nostro modo piΓΉ diretto per comunicare, perchΓ© ci stava dentro anche il tempo del fare."

 

π——π—œπ—₯π—œπ—§π—§π—’ π—”π—Ÿπ—Ÿ'π—’π—­π—œπ—’

Annagiulia Gramigna , Matteo Franzoni e i loro bimbi Federico e Alessandro.

Annagiulia ci racconta: "mi era rimasto impresso quando ho letto i diritti di Zavalloni. I bambini devono aver diritto a del tempo non impegnato, non per forza organizzato nel fare qualcosa, del tempo in cui annoiarsi, spesso Γ¨ proprio dalla noia e dal tempo perso che arrivano le idee e i pensieri piΓΉ belli!"

IL DIRITTO ALL'OZIO a vivere momenti di tempo non programmato dagli adulti.

 

IL DIRITTO ALL'IDENTITA'

Ognuno di voi ha un nome e un cognome? Avete anche un documento? Che domande, eppure ci sono ancora bambini che nascono senza un nome, senza un documento che attesti la loro esistenza.

Con Raffaele e Davide abbiamo parlato di questo, di quanto sia importante il loro nome! E ci gridano proprio questo nella foto: IO SONO IO!

 

Articolo 7

Nome e nazionalitΓ 

Ogni bambino quando nasce ha diritto ad un nome e ad acquisire una cittadinanza.

Articolo 8

Preservazione della propria identitΓ 

Gli stati si impegnano a rispettare il diritto del bambino, a preservare la propria identitΓ  e a prestare assistenza per il suo ripristino nel caso il bambino ne sia illegalmente privato.

 

DIRITTO A SPORCARSI

Beppe Bianco e Michela Mazzini insieme al mito "Pupi" (Samuel John) hanno scelto, con grande entusiasmo, IL DIRITTO A SPORCARSI.

"I bambini devono poter giocare nella terra, nel fango, saltare nelle pozzanghere, avere il coraggio di mettere le mani dentro un fiume. La libertΓ  di sperimentare senza essere ripresi da qualcuno che gli grida dietro di non sporcarsi. Sporcarsi per poter vivere a pieno le avventure di tutti i giorni."

IL DIRITTO A SPORCARSI a giocare con la sabbia, la terra, l'erba, le foglie, l'acqua, i sassi, i rametti.

 π—œπ—Ÿ π——π—œπ—₯π—œπ—§π—§π—’ π—”π—Ÿπ—Ÿπ—” π—Ÿπ—œπ—•π—˜π—₯𝗧À π——π—œ π—˜π—¦π—£π—₯π—˜π—¦π—¦π—œπ—’π—‘π—˜

 Matteo Baruzzi e la figlia Lucrezia hanno scelto questo diritto dopo essersi confrontati su quanto sia importante ascoltarsi pienamente. Matteo ci dice: "Un genitore come puΓ² chiedere ad una figlia o ad un figlio di ascoltarlo se lui per primo non lo fa?" Siamo nell'epoca del tutto subito, del fare mille cose insieme, del mito del performativo. Ci dimentichiamo di quanto sia prezioso il tempo lento, quello dell'ascolto e dell'attenzione. Quanto siano preziosi e unici i bambini che con spontaneitΓ  esprimono loro stessi, con fantasia e creativitΓ .

articolo 13

LibertΓ  di espressione

Il bambino ha il diritto alla libertΓ  di espressione e di ricevere e diffondere informazioni con ogni mezzo espressivo.

articolo 12

LibertΓ  di esprimere la propria opinione

Il bambino ha il diritto di esprimere liberamente la propria opinione su ogni questione che lo riguarda.

Le opinioni espresse devono essere debitamente prese in considerazione tenuto conto dell'etΓ  e del grado di maturitΓ  del minore.

π——π—œπ—₯π—œπ—§π—§π—’ π—”π—Ÿπ—Ÿπ—” 𝗦𝗧π—₯𝗔𝗗𝗔

Alexia Betti e la piccola Maya hanno scelto il diritto alla strada.

Alexia ha fatto scegliere alla piccola Maya che ci dice: "Ho scelto la strada perché mi piace tanto passeggiare, perché ci sono tante cose da vedere. Mi piace il centro città pieno di gente, strade, muri colorati e a volte anche la pipì dei cani. Mi piacciono le piazze grandi, enormi, per correrci dentro. La strada è bella anche per andare in bici".

La strada Γ¨ il luogo di tutti, di noi, bambini di una volta, che potevamo giocarci liberamente e dei bambini di oggi, che fanno piΓΉ fatica a trovare una strada libera dalle macchine e sicura per i loro giochi.

Ogni pomeriggio la piazza Matteotti, qui davanti al nostro negozio, si riempie di bambini che giocano a pallone, si rincorrono, gridano liberi... quante volte la palla Γ¨ entrata in libreria!!!

IL DIRITTO ALLA STRADA a giocare in piazza liberamente, a camminare per le strade .

  

π——π—œπ—₯π—œπ—§π—§π—’ π—”π—šπ—Ÿπ—œ 𝗒𝗗𝗒π—₯π—œ

 Alfonso Cuccurullo che ha scelto questo diritto tra quelli di Zavalloni, insieme al nipote Alessandro, ci dice: "Credo che il diritto agli odori sia un diritto importante dato che ci permette di riconoscere cose o persone anche prima di poterle vedere, il nostro profumo fa sapere a chi ci conosce che siamo presenti".

IL DIRITTO AGLI ODORI a percepire il gusto degli odori, riconoscere i profumi offerti dalla natura.

 

π——π—œπ—₯π—œπ—§π—§π—’ π—”π—Ÿπ—Ÿπ—” π—™π—”π— π—œπ—šπ—Ÿπ—œπ—”

 Deborah Rambaldi e il piccolo Marco si sono divertiti molto a fare questa foto, e si vede! Deborah ci dice: "per me il diritto alla famiglia Γ¨ il diritto dei bambini di avere dei genitori, delle persone intorno che li amino, che per loro siano la famiglia. E' il diritto di ogni adulto di formare una famiglia con la persona che ama."

Marco aggiunge "il diritto alla famiglia Γ¨ un diritto che riguarda TUTTI"

Le famiglie sono tante, di tutti i tipi, di tutti i colori!

La famiglia Γ¨ dove c'Γ¨ amore, cura e dedizione per l'altro.

La famiglia Γ¨ un nido caldo a cui tornare, dopo una giornata di pioggia.

articolo 5

Ruolo dei genitori

Gli stati rispettano la responsabilitΓ , il diritto e il dovere dei genitori o della famiglia allargata di dare al bambino, in maniera corrispondente allo sviluppo delle sue capacitΓ , l'orientamento e i consigli adeguati all'esercizio dei diritti della Convenzione.

articolo 10

Ricongiungimento familiare: gli stati devono considerare con spirito positivo le domande presentate da un minore o dai suoi genitori per entrare in uno Stato parte o lasciarlo ai fini del ricongiungimento familiare. Il bambino che ha genitori che risiedono in stati diversi ha diritto a mantenere rapporti con entrambi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Registrati per ricevere i nostri aggiornamenti

Compila i campi sulla destra se vuoi essere contattato dal nostro staff per avere informazioni in merito alle nostre attivitΓ !

logo Mosaico